Descrizione immagine




Impianti di combustione

Alla base di questa tipologia di prodotto c'è una combustione termica, la cui reazione chimica può essere sintetizzata nel modo seguente:

 

VOC => H2O + CO2

 

E' bene ricordare che il processo può portare alla formazione di altre sostanze quali CO, SO2, ossidi d'azoto (NOx), cloro (Cl2), acido cloridrico (HCl), aldeidi. CO e NOx sono regolati con la perfetta calibrazione della temperatura d'ossidazione, l'SO2 è collegato all'uso di combustibili alternativi al gas metano, i prodotti alogenati sono rifiuti incombustibili se non presenti in piccole tracce, ma comunque trattabili grazie al nostro nuovo impianto combinato (combustore + scrubber) denominato Combi-Turtle.

 

La combustione dei VOC avviene all'interno di un volume confinato (camera di combustione) dopo un preriscaldamento. Il bruciatore, presente in tale spazio, permette l'innesco del processo d'ossidazione. L'autosostentamento del processo è garantito dalla concentrazione di VOC nell'effluente aeriforme.